Dentista - Odontoiatra a Firenze e Colle Val d'Elsa.

Studi Dentistici Orlando, Dentista Odontoiatra - Prevenzione
Prevenzione dentale: igiene e profilassi

Prevenzione dentale: igiene e profilassi

Le regole basilari per mantenere sani i denti:

•  informazione: bisogna sapere come sono fatti i denti, che cosa avviene o può avvenire loro e cosa fare per mantenerli sani;

•  igiene: dopo la pulizia, la placca si riforma in poche ore. Occorre pulirsi i denti di frequente , subito dopo ogni pasto, sempre prima di andare a dormire ed evitare alcuni alimenti.

 

L'uso dello spazzolino mantiene sani denti e gengive mantiene brillante il sorriso e fresco l'alito. L'uso di un dentifricio al fluoro contribuisce a rendere i denti più resistenti alla carie.

 

Come usare lo spazzolino

1. Schiacciare (a 45°) le setole dello spazzolino sulla superficie del dente, facendole entrare nel solco gengivale e imprimendo dei movimenti rotatori.

2. Spazzolare verticalmente dal rosso al bianco (dalle gengive al dente).

3. Spazzolare le superfici interne di ogni dente con la stessa tecnica.

4. Posizionare lo spazzolino sulla parte masticante del dente e muoverlo avanti ed indietro. 5. Spazzolare delicatamente la lingua.

 

Suggerimenti: scegliere uno spazzolino con setole morbide e di misura adatta all'età del bambino, usare una piccola quantità (3-5 mm) di dentifricio al fluoro, sciacquare sempre lo spazzolino dopo averlo usato e riporlo in un luogo areato dove le setole possano asciugarsi senza essere compresse, sostituire lo spazzolino quando perde forma, generalmente dopo 3-4 mesi e sempre dopo una malattia Infettiva, non scambiarsi spazzolino, non usare lo spazzolino per altro che non sia spazzolare i denti, non dimenticarsi di lavare i denti, specialmente prima di coricarsi. Durante la notte il flusso della saliva, un agente neutralizzante della placca, è ridotto e quindi i denti sono più suscettibili alla formazione della carie.

 

 

Prevenzione dentale

Il messaggio contribuirà a far si che i bambini abbiano denti e gengive sane, oltre che influenzare positivamente alcuni aspetti della loro vita di relazione, tra cui:

•  salute generale;

•  autostima e fiducia in se stessi;

•  sviluppo del linguaggio;

•  sviluppo sociale;

•  comunicazione delle emozioni.

Una cattiva igiene orale potrebbe avere un impatto diretto sull'apprendimento del bambino e coinvolgere negativamente la famiglia. Il programma informativo Il programma informativo che vi presentiamo parte dal presupposto, trattamento scientificamente dimostrato, che il "trattamento dentale" è di gran lunga più dentale efficace quando è orientato alla prevenzione piuttosto che alla cura della malattia già conclamata.

 

 

Prevenzione ortodonzia

Dalla nascita ai 3 anni

La prevenzione è indiretta e si avvale dell'aiuto dei genitori, che vanno motivati ed educati a tutte le problematiche connesse alla sfera orale. È preferibile l'allattamento materno a quello artificiale per l'azione favorevole svolta dalla muscolatura durante la suzione sullo sviluppo delle ossa del viso. Opportuni consigli e prescrizioni sul tipo di alimentazione verranno dati dai pediatri: in particolare qualità e quantità degli alimenti, delle vitamine e dei sali minerali. Le bevande zuccherate sono molto dannose. Fin dalla nascita si può iniziare la somministrazione di fluoro in quanto migliora i processi di mineralizzazione dei tessuti dentali (smalto) rendendoli più resistenti alla carie. Dopo lo svezzamento, durante l'eruzione dei denti decidui, è bene passare ad un'alimentazione solida che contribuisca con la saliva all'autodetersione dei denti e faciliti un armonico sviluppo delle arcate.

È opportuno sottoporre il bambino in tenera età a visite specialistiche per abituarlo all'ambiente odontoiatrico ed istruire i genitori all'uso corretto dello spazzolino. Una non adeguata igiene orale può favorire la formazione di carie,che non solo possono provocare dolore e disagi alla masticazione, ma anche causare spostamenti dentali con perdita di spazio e quindi malocclusioni. Non devono essere usate tettarelle o succhietti dolcificati. L'uso di questi non dovrebbe prolungarsi oltre il secondo anno di vita; se ciò dovesse accadere, è necessario sostituire i succhiotti a forma di ciliegia, con quelli fisiologici a goccia o anatomici che si adattano meglio alla forma del palato.

 

Dai 3 anni ai 6 anni

In questo periodo devono iniziare le visite periodiche semestrali, durante le quali bisogna prestare massima attenzione alla dentatura decidua ed allo sviluppo dei mascellari, soprattutto per intercettare e intervenire su alcuni fattori eziologici (succhiamento del pollice o succhietto , respirazione orale e deglutizione atipica).

Queste alterazioni funzionali cambiano l’equilibrio neuro muscolare; il danno che possono provocare dipende da intensità, direzione e durata. Esse sono responsabili dell’insorgere della malocclusione o dell’aggravamento della stessa, mentre la loro eliminazione precoce può ripristinare le normali condizioni occlusali. Il succhiamento del dito fino ai 4 anni può essere ammissibile , ma dopo tale età deve essere eliminato.

La deglutizione avviene normalmente con le arcate dentarie in occlusione, labbra a contatto, muscolatura periorale a riposo e lingua che prende contatto con la volta del palato. Nel neonato, la mancanza dei denti viene compensata dalla lingua che si interpone tra le gengive edentule. Con il completamento della prima dentizione, questo tipo di deglutizione, chiamata infantile, si modifica. Spesso causa di una deglutizione anomala è l'allattamento artificiale, specialmente se il foro della tettarella è stato allargato ed il latte defluisce spontaneamente senza contrazione muscolare. Se l'interposizione linguale perdura è frequente il riscontro di morso aperto che, se trascurato, degenera in gravi situazioni estetiche ponendo complicati problemi terapeutici.

La respirazione orale può essere dovuta ad una abitudine viziata o al fatto che le prime vie aeree superiori sono ostruite. L'aria respirata attraverso la bocca non viene riscaldata e depurata con conseguente ipertrofia delle tonsille ed adenoidi. A livello nasale il mancato svuotamento del secreto mucoso con conseguente stasi e congestione favorisce la formazione di riniti ipertrofiche, sinusiti ed otiti.

Il respiratore orale per la forzata posizione bassa della lingua va incontro ad un restringimento del palato. La costante posizione a bocca semiaperta consente la protrusione degli incisivi superiori.

 

Gli Studi Dentistici Orlando si trovano nel Centro di Firenze (zona piazzale Michelangelo) e a Colle Val d'Elsa, il nostro staff è a tua disposizione per informazioni e chiarimenti sui trattamenti.

 

 

Contatta lo studio per maggiori informazioni

Invia una mail a federica@studidentisticiorlando.it

 



Studi Dentistici Orlando
Firenze
Via Por Santa Maria,8 - Tel. 055.284095
Via Pietro Tacca, 43 - Tel. 055.687900
Colle Val d'Elsa
Via Pieve in Piano, 85 - Tel. 0577.920281
Orari di aperura:
Lunedì-Venerdì: 9.00-13.00 • 15.00-19.00


  • Italiano
Studi Dentistici Orlando, Dentista Odontoiatra • P.I. 1168050522 | Web Agency Altavista - Informativa Cookies
Studi Dentistici Orlando, <a href=../index.html>Dentista Odontoiatra</a>  News Feed